Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon L'Editoriale di Novembre 2021

There are no translations available.

Considerazioni di fine anno
di Vincenzo Favata, IT9IZY

Un gruppo di giovani che si riunisce per liberare la propria creatività e la propria solidarietà, un edificio abbandonato che torna a nuova vita. E' questa l'anima dell'ARI, una struttura, fino a qualche anno addietro, dilaniata da lotte interne, oggi trasformata in un gruppo coeso e proiettato verso il futuro.

Sono trascorsi alcuni anni da quando, dopo numerose controversie legali, tutte brillantemente affrontate e concluse con la vittoria della nostra Associazione in tutti i gradi di giudizio, l'attuale gruppo dirigente, invariato nei suoi componenti di vertice, ha avuto il privilegio di dirigere la nostra Associazione, senza tentennamenti, verso porti sicuri, consentendo, al contempo, a tutte le componenti associative di manifestare liberamente le  esigenze peculiari di ognuna di esse. Ovviamente, le transizioni in avanti sono state realizzate nel pieno rispetto del vigente Statuto e nei limiti consentiti dalla legge e senza opposizioni.

 

 

Appare opportuno evidenziare anche che, ormai da tempo, i bilanci sociali (che devono essere puntualmente approvati  e pedissequamente  trasmessi alla Prefettura di Milano stante che la nostra è un'Associazione riconosciuta legalmente - unica tra quelle radioamatoriali operanti su tutto il territorio nazionale -), vengono ormai da anni regolarmente approvati, nei termini previsti dallo Statuto, dall'assemblea composta dai rappresentanti dei Comitati Regionali. Queste approvazioni tempestive e nel rispetto delle norme sono un risultato, non di poco conto ed il frutto di un obbiettivo perseguito e raggiunto non senza difficoltà; ricordo a me stesso che in passato si è arrivati ad approvazioni pluriennali poste in essere quale ultimo rimedio ad anni di mancate approvazioni per i motivi più disparati alcune volte fumosi ed incomprensibili.

 

Quando questo editoriale sarà pubblicato, nel mese di novembre, potremo guardare alle nostre spalle con una soddisfazione particolare e prendere pienamente atto che la nostra ARI ha superato tutte le difficoltà esterne ed interne e guarda al futuro con un numero invariato di soci.

Anche questo è un risultato non da poco ed in controtendenza con i numeri delle Associazioni consorelle europee. Ovviamente il merito dei risultati odierni non è dello scrivente, l'aiuto di tutti coloro che hanno fornito il loro contributo negli organi associativi e la concordia dei soci sono stati essenziali per il raggiungimento dei risultati odierni.

*Presidente dell'ARI