Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Quello che non vi hanno mai detto sul QRP

There are no translations available.

di Giancarlo Saiu, IS0ESG

Spero che l'articolo di questo mese di aprile venga letto soprattutto da chi non è un "aficionado" della Low Power, da tutti quelli che non osano andare al di sotto dei canonici 100 watt perché non credono che con una bassa potenza si riesca ad "arrivare" comunque. Spero che venga letto pure dai colleghi radioamatori abituati alla "risposta immediata" ogni qualvolta chiamano la spedizione del momento, dagli scettici, quelli del "life is too short for QRP" e delle risatine solo a sentire parlare di 5 watt o meno e, perché no, anche dai novice che non hanno ancora chiaro in mente ciò che vogliono fare nel variegato mondo della Radio. Bene, io vorrei convincere anche solo una minima parte di questi colleghi OM che la pensano in maniera sbagliata rispetto alle immense potenzialità del nostro amato QRP, li vorrei persuadere che vale la pena di provare l'ebbrezza del collegamento "sul filo del rasoio" sbattuti tra mille difficoltà ma, alla fine, comunque vincitori. Gli argomenti sono molteplici, ci sono quelli "matematici" che lasciano sempre pochi dubbi e che rivelano, a volte, delle cose sorprendenti.



Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 4/20 pagg. 60-62