Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Progetti divulgativi

PostHeaderIcon Precursori Sismici EM: ultimissime dal professore Biagi

di Alfredo Gallerati, IK7JGI


Radiotelegrafia, codice universale! Si apre, con questo tema molto attuale e sempre interessante, questo numero. Uno speciale ringraziamento a tutti i colleghi OM che, da anni, dedicano il loro impegno con passione e abnegazione, all'approccio delle nuove generazioni al CW, codice di un linguaggio che oggi sfida il tempo. Una sintetica panoramica sui diversi contributi, tutti per la tutela e rivalutazione della radiotelegrafia, in un mondo in cui anche sfidando le più avanzate tecnologie, si è data una sua collocazione… nel territorio anche dei giovani che hanno la fortuna di scoprirla e ne fanno anche una motivazione per approcciare la radio e il radiantismo. Ricorderemo un libro di Carlo Consoli IK0YGJ che ne "Lo Zen e l'Arte della Radiotelegrafia" riesce a collocare il sempreverde Codice Morse, al posto di "germe" che diede poi origine alla Radio. Vedremo anche le ultime news dalla Morse Basic School, una iniziativa all'avanguardia nata dall'impegno e dalla voglia di rivalutazione e divulgazione del CW, di Severino Migliorini IK2TKX. Da giugno 2018, una Scuola Online per apprendere il linguaggio radiotelegrafico, con metodo semplice, accessibile ma…. efficace.

Riapriamo lo spazio dedicato all'Ardf, la passione del radiantismo sempre giovane perché attività speciali come il "Radio Orienteering" polarizzano le attenzioni di tutti e, più ancora, dei giovani. In questo spazio ricorderò che l'Italia non figura purtroppo tra i partecipanti alle gare internazionali dell'Ardf poiché, in Italia, non si osservano adeguatamente le norme definite dalla IARU per la partecipazione e lo svolgimento della Radiocaccia.

Ed eccoci allo speciale contributo del professore Pier Francesco Biagi, una voce autorevole nello scenario degli studi e ricerche sulle relazioni tra Elettromagnetismo ed Eventi Sismici! Il Professore Biagi ci fornirà interessanti aggiornamenti sullo stato dell'arte delle effettive/possibili connessioni tra l'onda elettromagnetica e lo scatenarsi di eventi sismici.

L'augurio è che da questo contributo che ci ha fornito il professore Biagi, possano svilupparsi nuovi input sia per il mondo della ricerca amatoriale, sia per quello professionalmente scientifico. Ricordando che lo strumento di giusto raccordo tra la ricerca e la sperimentazione scientifica è proprio la radio, l'orecchio che ascolta il pianeta!

Ottimi Progetti!


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 5/20 pagg. 52-58

 

PostHeaderIcon Dalla Radiocaccia a… "La Radio nelle Scuole 4.0"

di Alfredo Gallerati, IK7JGI


Ecco il nostro Portfolio! Le diverse esperienze dei Progetti Speciali ARI, individuati e sviluppati negli ultimi anni. In questo numero, visto che l'anno 2020 è da appena 30 giorni cominciato, andremo a  tracciare un profilo storico di quelle interessantissime esperienze che oggi costituiscono il Portfolio del bagaglio dei Progetti Speciali ARI. Certo che, per essere realizzati e sviluppati poi nel tempo, i Progetti hanno bisogno dell'attenta valutazione dei Soci e del CDN nella misura in cui l'ARI conosce e sa valutare il peso di ciascun progetto sulla futura prospettiva di crescita dell'ARI stessa. Un'attenzione alle risorse, su cui invochiamo la miglior attenzione del CDN, di Cristian Faraglia IN3EYI (Mgr. ARI Radio Club) del CSN, dei CR/ARI e di quanti hanno davvero a cuore i Progetti Speciali ARI come fondamentale, irrinunciabile risorsa per il futuro dell'ARI ed i nuovi scenari attesi  nei prossimi anni.

Andiamo quindi a dare uno sguardo a questo Portfolio Progetti: 10 Progetti ovvero 10 importanti risorse per aiutare l'ARI a costruire un nuovo e più forte radiantismo italiano. E' una strada percorribile a cui non possiamo rinunciare, nei prossimi anni.

Cominciamo dall'ATV "Amateur TeleVision", un Progetto, tra i primi che abbiamo presentato grazie al contributo di Salvatore Giacco IW3RRO. Progetto oggi sviluppato su livelli di eccellenza da ARI Udine che ringraziamo.

Un altro progetto molto interessante e ancora tutto da scoprire è il Radiosondaggio. La fortuna di avere un amico come Prof. Achille De Santis IU0EUF che vogliamo pubblicamente ringraziare, ci ha dato occasione e motivo di inserire anche le esperienze di Radiosondaggio in questo Portfolio.

Un Portfolio, quello dei Progetti ARI, arricchito anche da altri grandi Progetti: "La Radio nelle Scuole"; "Radio Kids" (rilettura italiana di un grande progetto americano); "Anche Io Sono La Protezione Civile", un efficacissimo strumento di educazione alla cultura della Protezione Civile.

Passiamo quindi al Portfolio delle esperienze Yota: un pianeta dei giovani per una nuova linfa al radiantismo italiano. Questa attività di educazione ai Progetti ARI ha dato anche il posto giusto al Progetto "CW - Telegrafia, Patrimonio dell'Umanità", il progetto che dovrà cambiare la storia del radiantismo perché scriverà una pagina indelebile proprio per la grande portata di questo linguaggio che è radice della comunicazione radiofonica.  Passiamo dunque al Progetto con cui è il radiantismo ARI che stringe la mano alla…Scienza: Precursori Sismici ed Elettromagnetici. Il Portfolio dell'esperienze in questo Progetto, sarà sviluppato ancora nel tempo e porterà sicuramente l'ARI a raggiungere ambiziosi traguardi. Il nostro Portfolio, dedica poi un contributo all'interazione radiantismo-Protezione Civile quando si tratta del Progetto: "Comunicazioni ad Alta Affidabilità per Emergenze", risorsa basata sulla sperimentazione di apparati ed antenne per sviluppare un sistema particolarmente efficace nei difficili, imprevedibili frangenti delle emergenze. Si chiude con il Progetto "Radiocaccia ARDF", il nostro Portfolio di Progetti ARI. E' una risorsa ancora da sviluppare perché è necessario promuovere e strutturare un'organizzazione di omologazione alle norme IARU, per portare anche l'Italia nelle grandi competizioni internazionali, così  come merita il Paese dov'è nato il Padre della Radio.

Buona lettura.


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 2/20 pagg. 36-43