PostHeaderIcon Cronache

PostHeaderIcon Exer Protezione Civile "Belpasso, 350 anni dopo Malpasso"

di Concetto Caruso, IW9CTJ

Exer Protezione Civile "Belpasso, 350 anni dopo Malpasso"

Nell'ottobre dell'anno passato nel territorio comunale di Belpasso (Ct), si è tenuta l'esercitazione di Protezione Civile. L'addestramento ha avuto come tema la rievocazione della distruzione dell'intero paese di Malpasso (allora era così chiamato l'odierno Belpasso) a seguito di un'immensa colata lavica generatasi da una frattura apertasi sul versante ovest dell'Etna, causata da un violento terremoto di origine vulcanica.

Il programma comprendeva: l'evacuazione delle scuole primarie e secondarie, l'evacuazione di una parte di cittadini abitanti nell'area a NE del paese (limitrofa alla famosa bocca eruttiva- distruttiva), operazioni di soccorso in luoghi impervi con l'ausilio di unità cinofile - per la ricerca di persone tra le macerie, e di soccorso funicolare a cura del personale del Cai (Club Alpino Italiano) e del Soccorso Alpino, oltre alla parte sanitaria assicurata dalla locale Fraternità della Misericordia di Belpasso nonché protezione dei beni culturali.

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 7-8/20 pagg. 104-105

 

PostHeaderIcon Delegazioni a confronto con idee e progetti in F.V.G.

di Giovanni Giol, IV3AVQ

Delegazioni a confronto con idee e progetti in Friuli Venezia Giulia

Una delegazione dei radioamatori Soci ARI del Friuli Venezia Giulia ha recentemente incontrato il nuovo direttore del servizio numero unico di emergenza - Nue 1 1 2 gestito dalla Protezione Civile della regione autonoma FVG ingegnere Nazzareno Candotti.

Sono state illustrate le prerogative che la nostra Associazione, che ha una convenzione in essere con la Regione, può mettere a disposizione delle Comunicazioni Alternative di Emergenza, nonché le potenzialità tecniche esistenti e quelle future.

In Friuli Venezia Giulia ci sono circa 600 soci di cui a tutt'oggi 129 iscritti al gruppo a disposizione della Protezione Civile, sia Regionale sia Nazionale, suddivisi nelle otto Sezioni che insistono nel territorio (Udine, Trieste, Gorizia, Pordenone, Grado, Monfalcone, Manzano, San Daniele).


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 7-8/20 pag. 106

 

PostHeaderIcon Il Veneto premia i Radioamatori

Desideriamo informare che lo scorso 29 marzo 2019 dalle ore 18.30 in Belluno, la Regione del Veneto dipartimento della Protezione Civile, ha organizzato un incontro per ringraziare i volontari di P.C. che durante l’emergenza “maltempo 2018” dello scorso ottobre/novembre, hanno prestato la propria opera.

In detta occasione sono stati consegnati attestati ai coordinatori dei gruppi di P.C. e spille ricordo ad ogni singolo volontario che ha operato nell’emergenza.-

Per quanto riguarda la nostra Associazione, sono stati consegnati attestati di riconoscenza al CR Veneto R.E. e alle sezioni di Venezia, Mestre, Treviso, Montebelluna, Vittorio Veneto, Belluno, Feltre, Verona, Padova, Vicenza, Bassano del Grappa, Cassola-Montegrappa e Thiene, nonché le spille ricordo ad ogni singolo volontario ARI per il lavoro svolto e riconosciuto nell’instaurare e mantenere le comunicazioni d’emergenza a causa  interruzione delle ordinarie linee.


Leggi tutto...

 

PostHeaderIcon I radioamatori ancora una volta in prima linea

 

PostHeaderIcon La mobilitazione nel Bellunese

Purtroppo questa fine di Ottobre è stata drammatica per la nostra provincia: prima un grosso incendio che ha interessato l'Agordino, vallata a nord di Belluno; solo pochi giorni dopo un'alluvione paragonabile a quella del 1966 ha interessato la nostra provincia, ed in particolare ancora la zona alta dell'Agordino, dove si contano danni innumerevoli a strade, infrastrutture ed abitazioni civili. Molte case scoperchiate dai forti venti (si parla di un uragano forza 4), strade cancellate dalla furia dei corsi d'acqua, linee elettriche abbattute e comunicazioni diventate difficili. In questa drammatica emergenza, i radioamatori hanno saputo attivarsi e l'ARI insieme ad altri Radio Club come il Cime Bianche di Agordo stanno gestendo da sabato scorso le comunicazioni di emergenza in modo egregio e con turni estenuanti. Il mio grazie a tutti questi operatori radio che in questo difficile momento sono stati vicini alle istituzioni ed alla popolazione.

L'Agordino e la provincia di Belluno si rialzerà ancora una volta; grazie in particolare a Stefano Mannelli IZ3ENH per il suo lavoro, insieme a IK3REX, IU3ISK, IU3GMR, IU3EDK, IU3EGO, IW3IDB, IK3SWB, IZ3FLG Roberto, I3IZV e tutti gli altri che hanno operato da C.C.S. Belluno, come anche Diego IW3IEE, Claudio IZ3TFO e tutti quelli che hanno operato da Agordo, e tutti i C.O.M. operativi in provincia di Belluno. Non voglio dimenticare nessuno, ringrazio tutti.

Gabriele, IZ3GOM

Fonte: ARI Belluno

 
Altri articoli...