Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Buono a sapersi

PostHeaderIcon Come trovare i musei radio nel mondo

.

Questa è una guida ai Musei della radio d'epoca, ai musei della scienza e della tecnica, delle telecomunicazioni, della televisione, delle radio militari, ecc. Con il modulo contatti si possono inviare nuove segnalazioni o si può aiutare i curatori della guida a completare i dati esistenti. I musei con sufficienti informazioni hanno un link sottolineato.

 

http://www.radiomuseum.org/museum/i/#eom

Fonte: Radiorama

 

PostHeaderIcon Stazioni pirata! Quali sono e come imparare a riconoscerle

Chi di noi, dotati di regolare licenza (AG), non si è mai imbattuto, soprattutto nelle gamme HF, in prefissi un po' strani, direi esotici? Ascoltando in telegrafia, in fonia o nei modi digitali quando percepiamo un prefisso particolare che non ci aspettiamo (non certo frequentando i cluster o spulciando Bollettini dx, anche sotto forma di twitter o di altri "social-radioamatorial" network) parte la rapida attività di ricerca: di quale country o entity (per dirla con il DXCC) si tratta? Consultando freneticamente QRZ.com, QRZCQ.com o, ancora, HAMQTH.com, oppure vecchie liste ITU (la ben nota International Telecommunication Union, Agenzia dell'ONU, che ricordiamo coordina e disciplina a livello planetario le frequenze e l'assegnazione dei prefissi) o DXCC list o Call Book cerchiamo di attribuire un country o entity e vedere se lo abbiamo già collegato in quale banda e modo.

 

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 7-8/17 pagg. 91-92

 

PostHeaderIcon The Things Network: rivoluzione nel mondo delle telecomunicazioni

Stefano Della Valle, IZ2LPC


Noi radioamatori siamo sempre attenti alle novità tecnologiche. Non siamo semplici utilizzatori. Siamo molto più spesso profondi conoscitori delle tecnologie che arrivano sul mercato. Siamo pertanto poco inclini a sorprenderci e rimanere a bocca aperta davanti a una novità. Eppure quando lo scorso Dicembre l'amico Giovanni mi ha proposto di entrare in una Community internazionale che si occupa di telecomunicazioni senza scopo di lucro, dapprima ero scettico e poi sono rimasto senza parole. Da allora ho fatto molti passi avanti e oggi ho il piacere di condividere con voi questa esperienza e, come vedrete nella conclusione di questo articolo, vorrei invitarvi a seguire le mie orme.

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 1/17 pagg. 91-93

 

PostHeaderIcon English for Radio Amateurs di IK6QGE

“English for Radio Amateurs” è un corso di lingua inglese progettato e realizzato da Domenico Felaco, IK6QGE, articolista di RadioRivista e socio ARI, per i radioamatori italiani che desiderano capire meglio i messaggi ricevuti (understanding) e migliorare la qualità dei loro interventi (speaking), specialmente sul piano della pronuncia, durante i collegamenti in fonia con interlocutori anglofoni.

Cliccare sull'immagine per accedere al corso

 

PostHeaderIcon 110 anni di ITU

Con la possibilità di scaricare una pubblicazione speciale dedicata ai Regolamenti Radio (Radio Regulations) l'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT-ITU) celebra i 110 anni delle specifiche tecniche che definiscono gli standard delle comunicazioni via radio e ne garantiscono un utilizzo coordinato in tutto il mondo.

La pubblicazione è un fascicolo (gratuito) di ITU News con la storia delle Radio Regulations, le motivazioni della loro importanza cruciale per i servizi di comunicazione e il processo di costante aggiornamento cui sono sottoposte le regole concordate in sede internazionale.

Potete scaricare in lingua inglese cliccando qui

 
Altri articoli...