Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Tutti insieme nella "Cittadella"


Con non poche difficoltà legate al Covid -19 si è svolta la quarta edizione della "Cittadella della Protezione Civile" edizione 2022 ideata dal professore Guglielmo Lucchetta presso il Liceo "Galilei Galilei" di Dolo Venezia che ha coinvolto varie Associazioni, Gruppi Comunali Volontari di Protezione Civile di: Camponogara, Fiesso d'artico, Fossò, Dolo, Mira, Pianiga, Stra, Vigonovo; Associazioni Volontari di Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Associazione Lagunari Truppe Anfibie Riviera del Brenta, Croce Rossa Italiana, Reggimento Lagunari "Serenissima", Ordine Ingegneri e Architetti provincia di Venezia, Psicoemergenza 8.7, Unità cinofile, Federazione Soccorso Sci alpino, Alert Team Lions, Corpo Nazionale Vigili del Fuoco "Comando provinciali di Venezia", Associazione Radioamatori Italiani Riviera del Brenta "IQ3RW", Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio Comune di Venezia, Progetto di alternanza scuola-lavoro dove i ragazzi si avvicinano al mondo del volontario di Protezione Civile con lo scopo di permettere loro di conoscere ed applicare le varie tecniche di intervento volontario in caso di emergenza o calamità naturali.

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 10/22 pag. 65

 

PostHeaderIcon Ari-Pontedera - Protezione Civile a scuola

Si è concluso nel mese di maggio un progetto di formazione, conoscenza e consapevolezza sull'organizzazione del "Sistema di Dipartimento Protezione Civile". Un argomento di attualità, di educazione civica ma soprattutto di prevenzione con la partecipazione dei radioamatori della Sezione ARI-Pontedera insieme ad altre Associazioni di volontariato e strutture del territorio impegnate nella Protezione Civile.


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 7-8/22 pag. 50

 

PostHeaderIcon La 447ª prova di sintonia per l'esercitazione di Protezione Civile


Nella scorsa estate è stata effettuata la consueta "Prova di sintonia" (Nr. 447) tra le Prefetture italiane. Da anni queste prove vedono protagonisti i radioamatori italiani che, dalle sedi prefettizie di loro competenza, effettuano collegamenti per verificare la copertura di tutto il territorio nazionale nel malaugurato caso che questo sia reso necessario da un evento calamitoso...

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 6/22 pag. 69

 

PostHeaderIcon Vita di Sezione: ARI-Scandicci e la Protezione Civile

Vita di Sezione: ARI-Scandicci e la Protezione Civile

Agli inizi della scorsa primavera, la Protezione Civile Colli Fiorentini del Comune di Scandicci (Firenze), nella persona del responsabile il Signor Cristiano Braganti, con cui abbiamo una convenzione in atto per tale scopo, ci comunicò che avrebbero avuto bisogno della nostra opera, presso il Centro Vaccini Covid 19, che da lì a poco sarebbe stato aperto, presso il Centro Rogers, spazioso ambiente dove normalmente si svolgono convegni e dove noi  negli anni passati, abbiamo organizzato il "Mercatino di Scandicci".


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 6/22 pag. 14

 

PostHeaderIcon Exer Protezione Civile "Belpasso, 350 anni dopo Malpasso"

di Concetto Caruso, IW9CTJ

Exer Protezione Civile "Belpasso, 350 anni dopo Malpasso"

Nell'ottobre dell'anno passato nel territorio comunale di Belpasso (Ct), si è tenuta l'esercitazione di Protezione Civile. L'addestramento ha avuto come tema la rievocazione della distruzione dell'intero paese di Malpasso (allora era così chiamato l'odierno Belpasso) a seguito di un'immensa colata lavica generatasi da una frattura apertasi sul versante ovest dell'Etna, causata da un violento terremoto di origine vulcanica.

Il programma comprendeva: l'evacuazione delle scuole primarie e secondarie, l'evacuazione di una parte di cittadini abitanti nell'area a NE del paese (limitrofa alla famosa bocca eruttiva- distruttiva), operazioni di soccorso in luoghi impervi con l'ausilio di unità cinofile - per la ricerca di persone tra le macerie, e di soccorso funicolare a cura del personale del Cai (Club Alpino Italiano) e del Soccorso Alpino, oltre alla parte sanitaria assicurata dalla locale Fraternità della Misericordia di Belpasso nonché protezione dei beni culturali.

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 7-8/20 pagg. 104-105

 
Altri articoli...