Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Opinioni&Idee

PostHeaderIcon "FT8? Io intanto faccio altre cose"

Ciao Direttore,
volevo complimentarmi per il tuo editoriale relativo a FT8 e sono pienamente d'accordo.
E' un modo usato moltissimo e bisogna tenerne conto. Personalmente lo trovo noioso, lo scorso anno con II2RR ho provato ma non riuscivo ad andare oltre i tre o quattro QSO mi annoiavo a morte.
Quest'anno nei 90 giorni di IB2LV mi sono imposto di provare ancora con FT8.
In pratica quanto ero stanco di fare CW per riposarmi utilizzavo FT8, ti giuro riuscivo fare QSO in FT8 e al tempo stesso navigavo in internet, mettevo in ordine la scrivania, potevo mangiare anche un gelato  etc...non ne ho fatti molti di QSO perché in squadra avevo un operatore che faceva solo FT8 e non volevo essere troppo invadente. Ma...mi riposavo!
Comunque ho notato un fenomeno strano non ho ancora (almeno nella mia cerchia) sentito osannare FT8 eppure...tutti lo fanno.
Per analogia mi sembra quel un partito politico della mia gioventù che nessuno ammetteva di votarlo ma aveva sempre la maggioranza relativa, deve essere una roba così.
Mi raccomando questa mail è diretta all'amico e non deve essere resa  pubblica non vorrei attirarmi le ire dei "Digitals" ho una famiglia non vorrei mi bruciassero la casa.
Avanti così Herr Direktor! Complimenti.
Ciao.

Piero, IK2AVH

 

PostHeaderIcon FT8, è vero. Non vale vincere facile

Gabriele,
una battaglia impari, ma finché è possibile noi la combattiamo. FT8 non è ammesso fra i modi operativi del Mountain QRP Club.
Sarebbe troppo facile, andare in montagna, accendere il Pc che poi fa tutto da solo, mentre si va a raccogliere fragole o funghi, quando ci sono.
Buon Anno.

Roberto, BDO

 

PostHeaderIcon Il "Tube che ci mancherà"

Desidero portare a conoscenza dei radioamatori italiani che dal dicembre 2019 la rivista "Tube Collector" cessa le pubblicazioni.
La rivista "Tube Collector" era diretta ai collezionisti di tubi elettronici ed era edita dalla "TCA" o "Associazione dei Collezionisti di Tubi (elettronici)", la quale ultima soppravvive on-line al termine del proprio organo di diffusione cartaceo.
La rivista ha iniziato le pubblicazioni nel lontano 1999 a cura di Ludwell Sibley KB2EVN ed è stata una miniera di notizie tecniche e storiche sullo sviluppo dei tubi elettronici dal loro esordio fino alla fine della loro applicazione di massa negli Anni '70.
Non conosco il motivo del termine della pubblicazione, ma ritengo che il carico di lavoro sulle spalle di Lud KB2EVN (con il quale peraltro collaboravano altri OM tra cui Norm Wilson N6JV e Al Klase N3FRQ) sia diventato insostenibile con il passare degli anni di età.

Mario Giganti, I1CWZ dal 1951

 

PostHeaderIcon Grazie per il vostro premio!

Ringrazio per avermi pubblicato la “Foto del mese” e per il premio che mi avete inviato.

Rovistando in un cassetto di cose del passato, è venuto alla luce un foglietto con una poesia dedicata al codice Morse, non ricordo da dove l’ho ritagliata, forse è già di vostra conoscenza, ma ve la invio, per quanto possa interessare.

Ancora grazie e cordiali 73.

 

Antonio Frustichino, I0ZUG

 

PostHeaderIcon Io "dinosauro" delle QSL

Ebbene sì, nel 2019 io sono ancora per le QSL cartacee. So già cosa state pensando “Ecco il Matusalemme di turno che pensa ancora alla carta”.

Sarà pure così ma lasciatemi questo mio vezzo di riguardarmi ogni tanto le numerose QSL che nel tempo ho ricevuto, guardarle nelle mie mani immaginando chi le ha scritte.

Certo gli scambi di QSL digitali hanno molto alleggerito il Bureau. Ripenso alle prime QSL che ho ricevuto dopo giorni e giorni di attesa, sarò un sentimentale ma la QSL cartacea mi dà qualcosa in più, qualcosa che un’immagine sul Pc non mi dà. E’ un po’ come il vinile ed il Compact Disc. Io però non mi rassegno e fino a quando il Bureau funzionerà avrò la soddisfazione di toccare con mano qualcosa di unico, quando questo terminerà avrò perso una parte del mio essere Radioamatore ma continuerò comunque a parlare con il mondo. Nella mia carriera ho visto molti cambiamenti verso il digitale, ai miei tempi anche l’RTTY era una grossa novità, ma perché il “progresso” deve per forza cancellare la tradizione?

Rispetto chi si è adeguato ai nuovi sistemi ma volete mettere la soddisfazione di comunicare con un vecchio tasto o di sentire la voce di chi sta dall’altra parte del mondo? Non so più dove mettere le QSL che ricevo ma un posto lo trovo sempre. Ridete pure ma io oltre al Log sul Pc compilo ancora il Log cartaceo. Sono vezzi di un vecchio OM che mi danno una buona sensazione, quella di ripercorrere le “vecchie” usanze di un periodo forse “giurassico” ma che fanno parte della mia vita. Molti studenti mi chiedono che senso ha nell’era dei telefonini fare il Radioamatore e cerco di convincerli che non conta lo strumento ma la passione, qualcosa che hai dentro e forse non sai spiegare. Mi auguro che ancora molti giovani si avvicinino alla Radio, sia quella dei precursori sia quella di oggi.

Un vecchio Radioamatore.

Fabrizio Bottaro, IK3OYY

 
Altri articoli...